La scuola che vogliamo?

A una lettura attenta, il recente documento prodotto da Anp (“Associazione nazionale dirigenti pubblici e alte professionalità della scuola”, già “Associazione nazionale presidi”), dell’ambizioso titolo “La scuola che vogliamo”, si rivela come un guazzabuglio di affermazioni apodittiche e ideologiche che non hanno nulla a che fare con la scuola reale e mescola strumentalmente tutto e il contrario di tutto (dalla crisi climatica alla “certificazione delle competenze” al calo degli apprendimenti – facendo passare le cause dei problemi per soluzioni e viceversa), con lo scopo nemmeno tanto occulto di voler imporre come auto-evidente una certa paradossale idea di non scuola dominata da tecno-burocrazia e rapporti di potere.

Vediamone qualche passo:

«I disastrosi eventi climatici, e a livello locale gli incendi e la siccità, ci impongono di impegnarci a formare, attraverso e “oltre” le discipline [attenzione, perché questo “oltre” sarà il vero centro dell’argomentazione di Anp], nuove generazioni che possano “cambiare il passo” dello sviluppo tecnologico e salvaguardare le risorse del pianeta attraverso una gestione corretta del territorio» [cosa c’entri l’abolizione delle discipline e la loro polverizzazione in “competenze” – verso cui spinge tutto il documento, come si vedrà – con la salvaguardia delle risorse del pianeta, è un mistero. Anzi, a voler sottilizzare, sono proprio la distruzione della cultura e della conoscenza – precondizioni indispensabili per lo sviluppo del senso critico di fronte all’esistente – e la riduzione delle nuove generazioni a consumatori inconsapevoli a favorire l’atteggiamento predatorio e l’indifferenza nei confronti degli ambienti naturali, a rendere impossibile la comprensione della complessità e della gravità della situazione. Sull’ignoranza – il cui contrario sono le conoscenze, non le fantomatiche ‘competenze’ – non si costruisce nulla].

«Le conoscenze scientifiche, le storie dell’umanità, le culture e le arti sono gli strumenti più potenti che abbiamo per formare uomini e donne capaci di creare una società dove non ci sia più posto per discriminazione, violenza, intolleranza, razzismo e ignoranza, purtroppo sempre ancora incombenti [il riferimento di maniera alle conoscenze scientifiche, alle storie, le culture e le arti termina qui, e non torna più per tutte le nove pagine del documento. Conta invece ciò che arriva dopo il “ma”…].
Ma per fare questo è necessario mettere in evidenza la trasversalità dei temi da sviluppare e impostare metodi didattici non trasmissivi, flessibili e partecipati: una innovazione profonda della didattica legata ai nuovi bisogni formativi che impone un ripensamento sul “fare scuola” e ne segnala l’urgenza» [chiunque capisce, anche leggendo il resto del documento, che il tema del progresso sociale, come quello della crisi climatica, è evocato in modo del tutto pretestuoso: ciò che preme qui è fornire una qualunque giustificazione al vero obiettivo, che è quello di spazzare via la scuola dove si insegna e si impara e scardinare il sistema delle discipline, senza il quale la “trasversalità dei temi” fluttua nel vuoto e sprofonda nell’ignoranza, se non addirittura in un nuovo analfabetismo].

«È evidente [a chi? sulla base di cosa?] che una revisione di strumenti, metodi e contenuti sia necessaria, soprattutto, per mettere a sistema le buone pratiche sperimentate [e qui, in un capolavoro di non detto, si omette il quando e il dove: si vorrebbe dire ‘durante la pandemia’, ma i risultati disastrosi ottenuti con la ‘Dad’, durante la quale gli studenti non hanno imparato quasi nulla, suggeriscono di glissare]; quelle pratiche che hanno prodotto esiti migliori [migliori rispetto a cosa?] e che hanno consentito di verificare [dove? quando?] che la rottura dello schema tradizionale cattedra-banco [sic] può aprire le porte a una didattica laboratoriale capace di suscitare interesse, impegno e curiosità».

«Abbiamo anche imparato [chi? I dirigenti?] a valutare impegno, creatività, capacità di soluzione di problemi [leggi problem solving], prontezza di intervento, curiosità e solidarietà, competenze molto più “ricche” delle conoscenze [tutto è funzionale, si è capito, all’attacco alle conoscenze, le uniche su cui è possibile costruire un’autentica crescita umana e culturale delle nuove generazioni] rilevate tante volte [?] in tante prove di verifica in classe [?]: si è così delineata una strada nuova, ancora
in parte da esplorare, ma che ci potrà permettere di definire meglio percorsi personalizzati e motivanti fondati sulla responsabilità e sull’autovalutazione
» [così, sottratta agli insegnanti la possibilità di valutare, in nome dell’ “autovalutazione”, sarà impossibile capire se le conoscenze si acquisiscono o no. D’altra parte, come si vedrà più avanti, la prospettiva è quella dell’abolizione del valore legale del titolo di studio e della privatizzazione dell’istruzione. Così come l’evocazione dei “percorsi personalizzati” significa che la scuola non dovrà più aprire, attraverso lo studio delle discipline, orizzonti culturali e conoscitivi nuovi e imprevedibili per tutti, in un vero universalismo democratico, ma dovrà lasciare gli studenti lì dove sono, con una rapida verniciatura di ‘competenze’ necessaria a farne al massimo degli esecutori].

«A questo punto la valutazione, così come definita dalla norma, appare insufficiente a rilevare i livelli di competenza: i voti non servono più [esempio di affermazione che si presenta come auto-evidente senza esserlo, visto che i voti, se accompagnati da una spiegazione dell’insegnante, servono eccome, nella loro inequivocabile chiarezza]. È esemplare, sotto questo punto di vista, la riforma della valutazione nella scuola primaria che sta dando esiti positivi [chi lo dice? Secondo chi? Da quale punto di vista? Altra affermazione apodittica priva di qualunque fondamento] e che è da imitare anche nelle scuole secondarie [il perché non viene detto: è da imitare e basta].
È ormai l’ora [ancora, secondo chi? Sono stati interpellati su questo – come su tutto il resto – gli insegnanti, che con gli studenti hanno a che fare tutti i giorni?], infatti, di passare definitivamente alla certificazione delle competenze».

E, ora, attenzione, stomaco e tanta capacità di sopportazione per leggere tutto d’un fiato:

«Il salto di qualità che la scuola italiana DEVE [maiuscolo redazionale] fare è quello di accompagnare gli studenti oltre le conoscenze, per sviluppare abilità, fino all’acquisizione delle competenze che il sistema [!] indica come obiettivi prioritari nei profili educativi di fine percorso. Una scuola quindi più orientata al fare, ad approcci innovativi di apprendimento/insegnamento, alla pratica laboratoriale come valore in sé e non solo come possibilità di mettere in pratica ciò che si è imparato.

Una definizione del concetto di competenza è purtroppo assai difficile da stabilire, in quanto presenta molte sfaccettature ed il termine racchiude diversi significati, secondo il contesto e la cultura in cui viene utilizzato.
Presupposto della valutazione per competenze è una progettazione che comporta una revisione completa delle modalità di costruzione dei percorsi didattici e dell’intero impianto del fare scuola
[cioè, non so bene cosa sia la “competenza” ma do per scontato che sia un concetto didatticamente valido. Si chiama ideologia, o peggio].

Si può pensare a modalità innovative come la progettazione per unità di apprendimento o, meglio ancora, per progetti, per la quale è fondamentale ripensare alla funzione formativa delle discipline e alla possibilità di costruire percorsi didattici che utilizzino più linguaggi e contenuti disciplinari, a imitazione della realtà. Tutto ciò non è semplice né banale; detto in poche parole, è necessario trasformare le sequenze dei manuali in mappe e uscire da una visione lineare della conoscenza per passare ad una visione sistemica della stessa.
Il curricolo, così come tradizionalmente è conosciuto, è costituito da una successione di unità didattiche o di segmenti lineari (che corrispondono in gran parte all’indice del libro di testo) che favoriscono l’idea dell’insegnamento come trasmissione descrittiva e di tipo statico e oggettivo. Da questa impostazione, tuttora predominante nel nostro sistema scolastico, possiamo attenderci solo il perseguimento di obiettivi di conoscenza. Essa parte dal presupposto che la competenza si generi, poi, spontaneamente, in chi possiede le abilità necessarie.

Invece il curricolo inteso come complesso di strutture articolate, come le unità di apprendimento autoconsistenti, di natura disciplinare o multidisciplinare, è costruito come una rete addentrandosi nella quale si sviluppano abilità. Il percorso di apprendimento è dinamico, soggettivo e produce competenze perché mette in gioco la complessità dei soggetti che apprendono e la loro capacità di utilizzare le conoscenze apprese. In questo curricolo reticolare le discipline sono strumenti,
l’apprendimento procede per associazioni e i percorsi sono di natura partecipata e flessibile. Si valorizzano l’autonomia progettuale, le strategie metacognitive, l’apprendimento nel contesto, la costruzione negoziata del significato, l’apprendimento cooperativo, la distribuzione, la creatività e l’alternanza dei ruoli.
ll concetto di valutazione si discosta qui da quello della misurazione oggettiva tout court a favore di forme di autovalutazione; anche gli strumenti (dossier, portfolio) sono diversi da quelli tradizionali.

Si tratta di una valutazione intersoggettiva che prevede una pluralità di osservatori nella quale entrano in gioco, tra le altre, tecnologie quali la condivisione e la comunicazione in rete.
Per attuare processi innovativi di questo tipo è necessario costruire i percorsi di apprendimento partendo dalla struttura della disciplina (statuti e mappe concettuali), definire gli esiti in termini di competenze, definire gli standard per la certificazione delle competenze acquisite, avere chiaro che si tratta di valutare, in positivo, “ciò che si è acquisito” e non, in negativo, “ciò che non si è appreso”. Infatti, tutta la logica della valutazione per competenze è fondata sulla positività e sull’idea che l’errore deve essere rilevato ma non punito…
».

Si è riportata senza commenti questa lunghissima accozzaglia di aria fritta, questo pastiche pedagogistico totalitario che mette insieme tutti i luoghi comuni più astratti dell’ “innovazione” didattica, pescati di qua e di là e unificati da una pomposa aria di scientificità che poggia in realtà sul nulla (se non sulle imposizioni in arrivo nelle singole scuole attraverso dirigenti che considerano se stessi dei “promotori dell’innovazione”, o forse promotori della distribuzione delle risorse del PNRR).

Questo delirio di astrazione fa la caricatura di una scuola “tradizionale” che non esiste e di cui si presume l’inefficacia (dovuta invece proprio all’orgia burocratica alimentata dalle “riforme” degli ultimi decenni e, ultimamente, dal dramma della “DaD”); è un’ubriacatura di formule fatte che crescono su se stesse, con l’unico scopo di sottrarre attenzione e concretezza al cuore della scuola – l’insegnamento, l’apprendimento, la passione conoscitiva, i rapporti umani – e polverizzare i due pilastri dell’istruzione delle nuove generazioni, la conoscenza e la relazione educativa, introducendo a forza nell’organismo scolastico un’innaturale e micidiale confusione, che mescola scoperte dell’acqua calda e indistricabili contraddizioni (tanto che si deve ammettere anche qui che le ‘competenze’, fulcro di tutto il delirante sistema, non si sa bene cosa siano; e infatti, in un capolavoro di fuffo-pedagogia, si aggiunge: «Tanto più che oggi, sotto l’attenzione degli esperti [quali? Secondo quale teoria?], non c’è la competenza in sé ma la persona competente. Il punto di partenza resta quello dell’osservazione dei comportamenti cognitivi degli studenti e quindi della misurazione dell’apprendimento attraverso tutti gli strumenti disponibili, purché congrui con gli obiettivi da verificare»).

Costringere la ricchezza e l’apertura degli approcci didattici possibili in formule prescrittive e del tutto astratte imposte dall’esterno (magari attraverso gli “atti di indirizzo” di dirigenti compiacenti) è in realtà funzionale a trasformare la scuola in un enorme e inefficace edificio burocratico, in cui gli insegnanti siano rotelle di un ingranaggio che gira a vuoto su se stesso, dove si programmano curricoli, “uda”, “metacognizione”, si costruiscono “portfoli” (parola-spia che rileva l’approccio aziendalistico all’istruzione di cui tutto il documento è impregnato), si “valorizza l’autonomia”, si “promuove l’apprendimento cooperativo”, si certificano “competenze”, gli insegnanti fanno da facilitatori di pacchetti didattici interdisciplinari preconfezionati, certificano sempre più puntigliosamente e…non insegnano più nulla, si ritrovano senza più contenuti culturali davvero significativi sui quali lavorare insieme ai propri studenti e, cosa ancor più grave, non vedono più le persone in carne e ossa che hanno di fronte, smettono di PARLARE con loro. In questo furore nominalistico, insomma, si vuole imporre agli insegnanti di dimenticare l’unico semplice motivo per cui esiste la scuola: istruire ed educare attraverso una relazione umana di cui i giovanissimi hanno un enorme bisogno e che viene prima di qualunque astratta ‘metodologia’. Le scuole invece, in questa prospettiva, devono diventare delle caserme dove impera un totale e vuoto conformismo buro-pedagogico.

***

Come si sarà capito da questi assaggi, “la scuola che vogliamo” di Anp è un montaggio sconclusionato e dadaista di “diagnosi” e di luoghi comuni pseudo-pedagogistici (compresa l’immancabile condanna della “trasmissione di conoscenze”) con cui si vogliono far passare per realtà i desideri di Anp, come quello per cui dall’emergenza che ha provocato un drammatico isolamento dei giovanissimi e un crollo verticale degli apprendimenti “non si torna indietro”, come se si trattasse di una preziosa occasione e non di una ferita da curare…

Tuttavia sotto questo guazzabuglio appaiono alcuni intenti ben precisi:

1) Mostrare quanto sia buono e inevitabile – tanto da chiederlo al prossimo governo – lo smantellamento della scuola pubblica dell’insegnamento delle discipline, del sapere e della conoscenza (cfr. la maggior parte delle citazioni riportate sopra);

2) Annullare ogni collegialità democratica nelle scuole – vecchio pallino di Anp, irrealizzabile finché non sarà abolito l’articolo 33 della Costituzione – e arrivare ad instaurare una monarchia aziendalistica con corte di “middle management“. «Riorganizzare la governance delle scuole, pensata in un’epoca ormai lontanissima e mai aggiornata alle necessità di efficienza del sistema; le competenze degli organi collegiali, disegnate agli inizi degli anni ‘70 dello scorso secolo e riproposte nel Testo Unico negli anni ‘90, non sono più in grado di garantire una gestione conforme alle riforme della pubblica amministrazione attuate con le norme successive». Chiaro, no? Siccome sono stati dati poteri spropositati ai dirigenti scolastici, in contrasto con ogni idea di collegialità, ora occorre dargliene ancora di più;

3) Abolire il valore legale del titolo di studio, obiettivo costante della destra liberista, per una società di caste inamovibili, in cui studia davvero – in scuole private di qualità – solo chi se lo può permettere: «abrogare finalmente il valore legale del titolo di studio, residuo ormai anacronistico del sistema che non corrisponde più [altra affermazione apodittica e ideologica fatta passare per constatazione di un dato di fatto] ai bisogni della società». Incommentabile;

4) “Formare” e rieducare all’ubbidienza gli insegnanti, togliendo di mezzo qualunque cosa sappia di autorevolezza e autonomia culturaleRipensare alla formazione iniziale dei docenti per le scuole secondarie, una formazione dedicata ESCLUSIVAMENTE [maiuscolo redazionale] all’insegnamento, in analogia con quanto fatto per la scuola primaria») [Come se quello che è stato fatto nella primaria avesse portato a buoni risultati, e come se fosse auspicabile estenderlo meccanicamente a tutti gli ordini di studi. E poi, se questa formazione deve vertere esclusivamente sulle metodologie di insegnamento, dove sarebbero i contenuti di questo insegnamento? Da dove arriveranno? E chi formula queste proposte è mai entrato in una classe? È consapevole del fatto che ogni contenuto, così come ogni disciplina, ogni classe, ogni situazione educativa richiede il proprio metodo?].

Inutile dire che nella prospettiva portata avanti da Anp, appare indispensabile aggirare il principio costituzionale della libertà di insegnamento, unica garanzia del fatto che nelle scuole continui a esistere una pluralità di punti di vista, di approcci, di metodologie, indispensabile a preservare il senso critico di fronte a qualunque totalitarismo, che ora si presenta in salsa tecno-burocratica ;

5) Smantellare le classi e mescolare alunni di età diverse, come se un undicenne potesse essere istruito come un diciottenne. Il tutto nella totale indifferenza per la progressività delle conoscenze, che infatti in questa prospettiva scomparirebbero, o come se uno studente non avesse più nemmeno il diritto di vivere il gruppo e la relazione con i coetanei.

Dietro questa atomizzazione che si nasconde dietro l’alibi dell’ “attenzione al singolo” («Abbiamo anche capito che nessuno strumento è buono in sé, ma che ciascuno può essere adattato ai bisogni diversi dei singoli alunni e che la risposta a questi bisogni non può che essere personalizzata») [sì, in classi da trentadue studenti, su cui il documento si guarda bene dallo spendere una sola parola] si intravede l’idea di trasformare la scuola pubblica per le persone in crescita in servizio privatizzato e anonimo per un’utenza da addestrare a poche ‘competenze’, espropriata di qualunque dimensione comunitaria, oltre che di qualunque rapporto con la cultura e il sapere, di cui qui si dice con chiarezza che non hanno nessun valore autonomo ma sono semplici produttori di fantomatiche ‘competenze’ («Conoscenze e abilità sono dunque strumentali alle competenze»).

Scopo finale, in sintesi, l’abolizione di un’istruzione pubblica di qualità.

Non si capisce perché i presidi che conoscono e amano la scuola non si ribellino e non prendano esplicitamente le distanze da questi progetti distopici e da questa associazione privata che sui mezzi di comunicazione viene fatta passare come la voce di tutti i presidi.

Gruppo La nostra scuola
Associazione Agorà 33

Liberi dallo smartphone?

Articolo pubblicato qualche anno fa – prima dell’arrivo della DaD – su un tema di cui si è tornato a discutere in questi giorni.

Su modello di quanto accade in altri Paesi europei, anche in alcune scuole italiane è stata introdotta la pratica di ritirare gli smartphone all’inizio delle lezioni, per restituirli solo al termine delle attività didattiche, o della singola ora di lezione. Come succede sempre nel nostro Paese di fronte a qualunque pratica netta e chiara, che incida davvero sulla sostanza delle cose, anche in questo caso molte persone – non solo tra i genitori, com’era prevedibile, ma anche tra gli stessi insegnanti – eccepiscono, obiettano, si oppongono, con motivazioni varie. Per rimanere a quelle accettabili, senza tenere conto cioè di quelle non in buona fede e non dichiarate, queste motivazioni possono essere ridotte a tre:

1) Gli smartphone, ormai, fanno parte della vita quotidiana degli studenti; proibirne l’uso significa allontanare ancora di più i giovanissimi dalla scuola e i ragazzi dagli adulti (e viceversa);

2) Gli smartphone potrebbero rappresentare uno strumento didattico importante: visto che sono così utilizzati dagli studenti, possono diventare un mezzo accattivante per coinvolgere gli studenti nelle attività scolastiche;

3) La responsabilità degli smartphone ritirati ricadrebbe sugli insegnanti, che si troverebbero gravati così di un ulteriore lavoro di sorveglianza.

Di fronte a queste obiezioni (l’ultima delle quali può essere tranquillamente ignorata, visto che non mancano soluzioni pratiche e organizzative piuttosto semplici al problema), è importante ribadire i motivi per cui quella del ritiro degli smartphone rappresenta un’ottima pratica, di quelle che possono assicurare autorevolezza e un futuro alla scuola:

1) È quasi superfluo insistere sui danni provocati nei giovanissimi dall’abuso di alcuni strumenti tecnologici: chiunque lavori nella scuola, e non sia accecato da pregiudizi ideologici che inducono ad astratti ottimismi, non può non constatare come vi sia un aumento esponenziale, tra gli studenti, di fenomeni come l’incapacità di comprendere un testo scritto minimamente articolato dal punto di vista sintattico e lessicale, di comprendere discorsi che richiedano la conoscenza di contenuti culturali minimi, di produrre un testo scritto originale, senza l’ausilio del ‘taglia e incolla’. Come potrebbe essere altrimenti, se l’abitudine alla lettura è sostituita – non di rado in maniera totale – dal ‘colpo d’occhio’ su messaggi di pochissime parole?

A ciò va aggiunta, come causa e conseguenza al tempo stesso, un’estrema difficoltà di concentrazione. La dinamica stimolo-risposta immediata cui l’uso ininterrotto dei social costringe non può che disabituare alla riflessione e ai tempi lunghi del pensiero. Rispetto a questi fenomeni, chi potrebbe affermare che la presenza degli smartphone in classe, a ‘portata di dito’ degli studenti, rappresenti un vantaggio anziché un danno? 
Sulle ripercussioni psicologiche dell’iperconnessione poi, con i fenomeni tra loro collegati dell’ansia, della dipendenza e del ritiro sociale, è già stato detto tutto. Non resta che riflettere su quanto valore educativo abbia in sé e quanta sottrazione di ansia possa apportare il superamento guidato e comunitario di una dipendenza.

In effetti l’esperienza effettuata in scuole come la mia (istituto tecnico di Roma) mostra come il no netto iniziale, al quale i ragazzi si abituano presto, produca un clima più sereno, grazie a una chiarezza di cui le persone in crescita hanno bisogno,  ed eviti una continua contrattazione e delle dinamiche sorvegliante/sorvegliato estremamente sgradevoli per entrambe le parti. Nell’esperienza di chi scrive il no iniziale, una volta che tutti ne abbiano sperimentato la sensatezza e l’utilità, si trasforma in un nuovo patto di fiducia.

2) I ragazzi non cercano nella scuola un ambiente che si omologhi a quello che già conoscono, ma cercano (anche senza rendersene conto) qualcosa di alternativo e di diverso, che li porti fuori dalla dimensione esistenziale in cui si trovano a vivere, spesso monodimensionale, soffocante e priva di reali stimoli come possono essere quelli della relazione, delle parole, di spazi imprevedibili di conoscenza, delle scoperte culturali, di storie in cui rispecchiarsi. I giovanissimi non hanno bisogno di adulti che si conformino al loro modo di vivere e che li inseguano sul loro stesso terreno ma di adulti, appunto, che facciano gli adulti: che li guidino nella ricerca di un senso possibile della realtà, nella scoperta di se stessi, attraverso contenuti umani e culturali significativi; e che, quando occorre, si prendano la responsabilità di dire dei sì e dei no chiari e motivati, che rappresentino un limite virtuoso su cui le persone in crescita possano orientarsi senza perdersi. Mi sembra che il no all’uso degli smartphone in classe rientri esattamente in questa categoria di limite.

3) Pensare che ci sia bisogno dello smartphone o che si debba puntare su metodologie “innovative” a tutti i costi (con una forma inquietante di integralismo) per poter appassionare gli studenti significa porsi in una posizione psicologica completamente errata, quella di chi dà per scontato che ciò che si insegna – i contenuti, certo, non le ‘competenze’ – e il rapporto che si crea tra insegnanti e studenti non siano già appassionanti di per sé. Alla base di questa sottovalutazione del fascino dell’ora di lezione, a volte, c’è una mancanza di passione che non riguarda solo gli studenti; ma questo discorso ci porterebbe troppo lontano…

4) L’interruzione di un continuo e patologico collegamento con i familiari tramite gli strumenti tecnologici – collegamento non di rado voluto e imposto più dagli adulti che dai ragazzi –  spezza la tendenza ad assimilare l’ambiente scolastico a quello familiare, con tutte le sue disfunzionalità. Il ragazzino che non deve guardare compulsivamente lo smartphone e che non riceve continuamente messaggi anche durante le lezioni è finalmente libero di stabilire un contatto umano con i compagni e con gli insegnanti, è libero di sentirsi presente in un luogo finalmente ‘altro’, con i vantaggi in termini di autonomia e di contatto con se stesso che ognuno può immaginare.

5) Ovviamente questo discorso non esclude un uso circoscritto degli smartphone per determinate attività didattiche; ma a decidere dei tempi e delle modalità di quest’uso dev’essere sempre l’insegnante.




Per la cultura, contro l’addestramento. Un documento sull’aggiornamento professionale da presentare a collegi docenti che prevedano una “formazione” inutile o dannosa

Presentiamo qui di seguito la mozione elaborata dal professor Sergio Arangino a proposito del piano di formazione dei docenti. Chiediamo ai collegi docenti e ai singoli insegnanti che fossero intenzionati a proporre l’inserimento di tale mozione nel PTOF della propria scuola – anche con modifiche ritenute utili e opportune – di darne notizia all’indirizzo infomanifestoscuola@gmail.com, per permetterci di creare un elenco di sottoscrittori e una rete di istituti scolastici aderenti. Chiederemo in tal senso anche il sostegno e la diffusione da parte delle organizzazioni sindacali. Grazie,

Gruppo La nostra scuola – Associazione Agorà 33

***

Poiché da molte parti si insiste sempre più sulla necessità di “formare”, di aggiornare e persino di “addestrare” i docenti secondo proposte metodologiche e didattiche unilaterali, standardizzate, spesso presentate come apodittiche verità “scientifiche”, che qualcuno pensa di calare gerarchicamente dall’alto (come “formazione obbligatoria”), si vuole ribadire che nella vita della scuola deve pur esservi la centralità della libertà dell’insegnamento garantita dall’articolo 33 della Costituzione.

Perciò, proprio nel campo dell’aggiornamento professionale e nella scelta delle diverse opzioni pedagogiche, non può mancare il pluralismo delle scelte e delle impostazioni culturali, che gli operatori dell’istruzione devono poter adottare, in scienza e in coscienza, con piena libertà, al fine di perseguire al meglio i loro compiti educativi.

In questa prospettiva, si allega una Proposta di mozione sul Piano di Formazione dell’Istituto da presentare al Collegio dei docenti, nel caso qualcuno tenti di imporre a tutti i docenti dei corsi burocratizzati, inutili o culturalmente dannosi. Eccola:


In merito al Piano di Formazione dei docenti di questo Istituto, si propone quanto segue:

La formazione e l’aggiornamento dei docenti può essere svolta anche in modalità di auto formazione, individuale o per gruppi, o in differenti modalità, su argomenti disciplinari, approcci metodologici e didattici, tecniche pedagogiche e altri temi d’interesse alternativi rispetto alle opzioni maggioritarie.

Ciò in tutela del pluralismo culturale e della libertà d’insegnamento garantita dall’art. 33 della Costituzione, nonché a salvaguardia di opzioni culturali, pedagogiche ed epistemologiche discordanti rispetto alle mode culturali correnti e ai ripetuti tentativi di ridurre la pedagogia e la didattica a un sistema di soluzioni preconfezionate e calate gerarchicamente dall’alto.

A sostegno di tale mozione si richiamano:
1) l’articolo 33 della Costituzione (“l’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento”);
2) l’art. 1 del D.Lgs. 297/1994 (“ai docenti è garantita la libertà di insegnamento come autonomia didattica e come libera espressione culturale del docente. L’esercizio di tale libertà è diretto a promuovere, attraverso un confronto aperto di posizioni culturali, la piena formazione della personalità degli alunni”);
3) L’art.1, comma 2 del Regolamento dell’autonomia scolastica (“L’autonomia delle istituzioni scolastiche è garanzia di libertà di insegnamento e di pluralismo culturale”);
4) la Nota introduttiva alle Indicazioni Nazionali di cui al DPR 89/2010: “Le Indicazioni non dettano alcun modello didattico-pedagogico. Ciò significa favorire la sperimentazione e lo
scambio di esperienze metodologiche, valorizzare il ruolo dei docenti e delle autonomie scolastiche nella loro libera progettazione e negare diritto di cittadinanza, in questo delicatissimo ambito, a qualunque tentativo di prescrittivismo”.

La mozione può essere accompagnata dall’elenco dei docenti sottoscrittori e presentata per l’approvazione in collegio docenti anche come opzione metodologica di minoranza, in risposta alla strampalata teoria dell’ “addestramento” formulata dal ministro Bianchi.

Gli schieramenti politici, in vista delle elezioni, assumano degli impegni precisi sulla scuola

Due anni fa, un gruppo di docenti di diverse discipline e appartenenti a tutti gli ordini di scuola ha condiviso la necessità di ritrovarsi per riflettere assieme a esperti dell’età evolutiva sul sistema scuola e sulle sue problematiche, sui fattori che lo hanno destrutturato, svuotandolo progressivamente della capacità di istruire e di educare. Alla luce della nostra legge fondamentale, la Costituzione Italiana, e consapevoli della differenze di pensiero, di cultura e di vissuto che attraversano la classe docente, nascono così il gruppo “La nostra scuola” – che ha redatto appunto il “Manifesto per la nuova Scuola” – e, più di recente, l’associazione culturale “Agorà 33 – La nostra Scuola” (https://nostrascuola.blog/2021/03/20/manifesto-per-la-nuova-scuola/).

Autorevoli intellettuali, genitori, studenti, docenti universitari, dirigenti, insieme ad alcune delle principali sigle sindacali della scuola hanno sottoscritto il nostro manifesto che a oggi ha raccolto più di 20.000 firme.

Lo stesso riscontro ottenuto dal Manifesto (firmato, tra moltissimi altri, da Alessandro Barbero, Luciano Canfora, Chiara Frugoni, Carlo Ginzburg, Francesco Guccini, Edoardo Lombardi Vallauri, Vito Mancuso, Dacia Maraini, Ana Millan Gasca, Tomaso Montanari, Filippomaria Pontani, Adriano Prosperi, Massimo Recalcati, Lucio Russo, Salvatore Settis, Gustavo Zagrebelsky) ha aperto un dibattito che ha coinvolto anche alcuni artefici delle nefaste “riforme” pseudo innovative che hanno sconvolto il sistema dell’istruzione del nostro Paese negli ultimi venticinque anni; il che ha generato dei confronti anche accesi sulle tematiche dell’attualità scolastica e sull’azione del governo.

In questo particolare periodo storico, dopo la caduta del governo Draghi e dopo l’approvazione forzata e probabilmente anticostituzionale del decreto 36 (ora purtroppo legge 79), in vista delle prossime elezioni, riteniamo necessario rivolgere le nostre considerazioni e richieste sia ai rappresentanti politici che hanno dimostrato nei fatti il loro dissenso rispetto all’aberrazione del DL 36, sia a quelli che l’hanno votato obtorto collo, sotto il ricatto della fiducia.

In un clima di generale sfiducia verso il ruolo del Parlamento, in una situazione di pluridecennale mancanza di rappresentanza politica delle istanze degli insegnanti, rivolgiamo agli aspiranti legislatori delle precise richieste, per una Scuola che garantisca finalmente alle nuove generazioni il godimento di un diritto, quello ad un’Istruzione di qualità, sancito dalla nostra Costituzione, in particolare dagli art. 1, 2, 3, 4, 9, 33, 34.

La scuola non serve per distribuire risorse del PNRR, né per creare centri di potere: la sua finalità è unicamente quella dell’emancipazione e della crescita umana e culturale dei futuri cittadini attraverso l’istruzione. Per raggiungere questa finalità, gli strumenti indispensabili sono l’insegnamento, la condivisione delle conoscenze, il lavoro comune sui contenuti culturali, la relazione educativa.

 Queste le nostre richieste prioritarie:

1) Revisione urgente delle norme per la costituzione delle classi (limite di 20 alunni per classe), con particolare attenzione ad una reale riduzione della numerosità delle classi in presenza di alunni con disabilità. Una didattica di qualità infatti può esistere solo attraverso la possibilità di dedicare più tempo a ogni singolo alunno;

2) Abolizione immediata della “Scuola di Alta Formazione” (prima che sopravvengano costi di creazione/gestione), che sostituisce un vero aggiornamento culturale con una para-formazione burocratizzata e che è stata introdotta contro il parere motivato di chi nella scuola lavora, dei sindacati di categoria, delle stesse commissioni parlamentari, attraverso la forzatura del decreto legge e del voto di fiducia;

3) Definizione chiara delle funzioni, dei limiti e dei costi dell’INVALSI (cfr. rapporto Corte dei Conti sulla gestione dell’ente), nella prospettiva della sua abolizione e del ripristino di forme di valutazione attinenti al reale lavoro scolastico; analoga revisione del ruolo e delle funzioni dell’INDIRE, che come ente di ricerca non può assumere il monopolio delle metodologie didattiche – in violazione del principio costituzionale della libertà di insegnamento – imponendo alcune di queste metodologie, considerate di per sé “innovative”, ad esempio attraverso l’anno di prova dei docenti neo-assunti;

4) Individuazione di modalità di reclutamento fondate su un’approfondita preparazione culturale e sostegno al libero aggiornamento dei docenti. Gli insegnanti non hanno bisogno di essere “addestrati” o “riaddestrati” a metodologie didattiche o a visioni totalitarie della pedagogia imposte dalla burocrazia ministeriale: hanno invece bisogno di individuare le priorità culturali ed educative verso cui indirizzare volta per volta un autentico aggiornamento delle proprie conoscenze, condizione indispensabile per realizzare appieno il principio costituzionale della libertà d’insegnamento. In questa prospettiva, chiediamo che l’attribuzione della carta del docente, per l’aggiornamento culturale e l’acquisto di strumenti didattici, sia estesa almeno ai docenti non di ruolo con incarico annuale e al personale docente educativo;

5) Abolizione dei PCTO (già “alternanza scuola-lavoro”) a favore di percorsi volontari di stage fuori dall’orario scolastico con parere decisivo dei consigli di classe;

6) Sospensione immediata di “sperimentazioni” profondamente dannose come quella della quadriennalizzazione delle scuole superiori, che sottrae agli studenti un anno di scuola (riproposta e potenziata dall’attuale ministero nonostante sia stata già bocciata dal Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione), e quella delle paradossali e inesistenti “competenze non cognitive”, attraverso le quali si punta in realtà a ridurre l’istruzione ad addestramento;

7) Superamento di un apparato para-aziendalistico (docente “esperto”, dirigente manager, mobility manager, middle management e simili) del tutto incongruente rispetto alla natura e agli scopi dell’istruzione pubblica. Ripristino di autentiche forme di collegialità nella gestione della scuola;

8) Potenziamento degli insegnamenti disciplinari di base, con l’aumento del numero delle ore curricolari;

9) Introduzione stabile della figura professionale dell’insegnante L2 (lingua italiana per i non madrelingua), in considerazione dell’aumento progressivo degli studenti stranieri nelle nostre scuole;

10) Reclutamento di psicoterapeuti qualificati per sportelli d’ascolto a disposizione ogni giorno di studenti, personale scolastico, famiglie, vista l’enorme crescita dei fenomeni di disagio giovanile e la necessità di sciogliere i nodi relazionali che possono crearsi all’interno del contesto scolastico;

11) Ripristino della commissione esterna agli esami di Stato, cui vanno restituite serietà e coerenza;

12) Trasformazione delle ore di educazione civica e ambientale in insegnamento disciplinare, affidato a insegnanti realmente qualificati;

13) Seri investimenti nell’edilizia scolastica, cominciando da quella che è in questo momento una priorità, la possibilità cioè di arieggiare e ventilare le classi;

14) Rafforzamento dell’orizzonte nazionale dell’istituzione scolastica,organo costituzionale della democrazia” e non insieme di progettifici, contro qualunque ipotesi di “autonomia differenziata”. In prospettiva, abolizione della legge 107 e riflessione del legislatore sui profondi danni provocati dall’introduzione della cosiddetta “autonomia scolastica”. Dopo venticinque anni, è chiaro a chiunque si occupi di scuola che un ripensamento dell’impianto dell’ “autonomia” è assolutamente indispensabile;

15) Revisione degli stipendi del personale scolastico, che restituisca quanto perso nei molti anni di mancato rinnovo contrattuale, anche per ripristinare la credibilità sociale di una scuola che sia una priorità per il futuro delle nuove generazioni;

16) Elaborazione di un codice deontologico per tutti coloro che si occupano di scuola a livello dirigenziale, amministrativo, politico che, oltre all’esplicito divieto di trarre qualunque vantaggio personale dalla propria attività, imponga il rispetto nei confronti della professionalità dei docenti e la tutela della loro immagine pubblica, dopo un periodo in cui anche ai più alti livelli si sono sentite espressioni come “oppositori ideologici”, “addestrare”, “riaddestrare”. Sarebbe importante anche che le forze politiche prendessero l’impegno di scegliere come prossimo ministro dell’Istruzione, dopo le esperienze non esaltanti degli ultimi anni, una personalità di alto profilo culturale, che conosca a fondo la scuola e i suoi problemi.

Tra moltissimi altri, dopo un’attenta analisi, questi ci sembrano i temi più urgenti, per restituire alla scuola la sua funzione educativa, culturale, civile prevista dalla nostra Costituzione, dopo che politiche neoliberiste hanno tentato e tentano di sradicare e distruggere il sistema nazionale dell’Istruzione pubblica.

Auspichiamo di trovarvi disponibili al confronto e determinati nel voler creare e condividere gruppi di lavoro e/o commissioni che dibattano in maniera concreta su tematiche cruciali per la scuola. Riteniamo infatti che qualunque confronto politico e culturale, qualunque dibattito pubblico sensato sul futuro della scuola si debba svolgere ascoltando la voce di chi nella scuola lavora e ne conosce problemi e bisogni.

L’identikit – costruito ad arte – che ci vorrebbe obbedienti, allineati e alienati non ci corrisponde per niente, anzi; a consolidamento di una lucida consapevolezza, ci ricorderemo di chi ha salvato l’istruzione pubblica e anche di chi ha tentato di distruggerla per motivazioni che non hanno niente a che fare con la cultura, la crescita umana e il futuro delle nuove generazioni. 

Grazie,
Associazione culturale “Agorà 33 – La nostra Scuola”

Contatti:

infomanifestoscuola@gmail.com

https://www.facebook.com/groups/353958379089334/?ref=share_group_link

Affari, potere e buro-pedagogia. La scuola ai tempi del governo Draghi

Riportiamo qui lo straordinario articolo di Filippomaria Pontani*, pubblicato su Il Fatto quotidiano del 2 giugno 2022.

*Professore ordinario di Filologia classica presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia

Facciamolo leggere a tutti i colleghi


Proff. soffocati tra carte e paure: così ci si dimentica degli studenti.

di Filippomaria Pontani

C’è qualcosa di assai peggiore dello stipendio (oggettivamente) basso degli insegnanti, per cui pure lunedì hanno scioperato: la perdita di senso. La torsione aziendalistica impressa alla scuola negli ultimi quindici anni mira scientemente alla “diffusione di una cultura solipsistica e sempre più performativa, la de-territorializzazione e, in definitiva, la progressiva disumanizzazione degli operatori dell’istruzione e dei loro stessi utenti finali” (Pietro Li Causi).

Non sono vuote parole di polemica: la scuola è una struttura sempre più dirigistica. I Collegi docenti, anziché discutere e deliberare, si limitano a recepire gli editti del dirigente scolastico. Nella versione della Zoomata online, con telecamere spente, il dibattito è vieppiù compromesso (esistono eccezioni, beninteso). Parliamo di un dirigente talora digiuno, o ormai dimentico, dei problemi reali dell’insegnamento; non di rado responsabile di scuole assai diverse spalmate su più plessi o addirittura su più comuni, dunque umanamente incapace di seguire tutto e le centinaia di allievi e docenti. Terrorizzato dai ricorsi e pronto a intervenire ad alzare i voti degli allievi per evitare bocciature, passa da un’emergenza a un’altra, tampona le falle, ambisce – succubo egli stesso del moloch burocratico che solo impera – alla perfezione formale di procedure per mostrare che “qui va tutto bene”. Prendete i famosi Pcto (ex Alternanza Scuola-Lavoro), o i percorsi di Educazione Civica Trasversale: i programmi sono spesso stabiliti centralmente e rovesciati su docenti inconsapevoli e riottosi, costretti a lasciare che i ragazzi (per giorni) si assentino per volantinare in un Centro commerciale o per vendere gadget dinanzi all’Euroflora.

Oppure costretti a inventare unità didattiche improponibili e forzate per far entrare l’articolo 9 in una lezione di scienze motorie, o la parità di genere in una lezione di algebra (e il voto va in pagella). Alcuni insegnanti si ingegnano e trovano talora soluzioni accettabili, creative o addirittura geniali, ma la situazione resta assurda. Sembra perda di senso l’essenziale e che la trasmissione, la condivisione e la verifica del sapere non siano più il core business di tutta la baracca. Le nozioni appaiono liofilizzate in uno spezzatino tanto più grondante di ipocrisia quanto formalmente schematizzato in rapporti dettagliatissimi (competenze, conoscenze, applicazioni, unità, punti di forza, e consimili deformazioni della neolingua pedagogistica), non letti da nessuno ma redatti dai docenti in interminabili pomeriggi – qualcuno ha visto un “documento del 15 maggio”?

“Ptof, Pdp, Clil, Rav…” : il proliferare di queste incomprensibili sigle cela la spersonalizzazione e la standardizzazione della funzione docente. E anche la sbandierata attenzione agli studenti fragili è assai dubbia: si obbligano gli insegnanti a estenuanti corsi di “inclusione”, forse con la mira malcelata di eliminare i docenti di sostegno, ma non è certo con i piani didattici personalizzati (talora redatti sotto l’imperio di protocolli medici di dubbia fondatezza) o con la burocratizzazione a oltranza che si stabilisce il contatto umano con chi ha più bisogno d’attenzione. E la capacità di relazionarsi con gli studenti certo non si favorisce (anzi, si ostacola) con la compulsiva verbalizzazione di ogni minimo colloquio o con asettici indicatori numerici, spesso schiaffati lì a priori e accompagnati da righe scopiazzate da appositi anonimi repertori.

Per questo motivo, ben più che per le questioni monetarie, l’annuncio della creazione di un’ulteriore e costosissima Spectre dal nome altisonante (“Scuola di Alta Formazione dell’istruzione”) pronta a irradiare le proprie occhiute vigilanze in tutte le scuole imponendo de facto corsi di formazione che affrontano i contenitori e non i contenuti (progettazione, mentoring, flipped classroom etc.) ha spinto alla protesta: il tempo degli insegnanti viene ancora una volta colonizzato gratis, sottratto all’aggiornamento vero, alla lettura, allo scambio con i colleghi e con l’Università, ormai sempre più mondo distante e avulso. Sarà una ulteriore produzione di carta inutile e di attestati validi quanto le onorificenze del Basso Impero; un’ulteriore mortificazione di chi guarda alla sostanza, all’alunno troppo silenzioso o al valore formativo di un’uscita a teatro, al piacere di discutere degli asintoti o delle traduzioni di Virgilio, piuttosto che a inutili percorsi di didattica innovativa o a corsi che ingrassano il business dei formatori e non servono nemmeno a motivare o mettere in discussione i docenti neghittosi o rinunciatari (che pure, ovviamente, esistono). È un ulteriore avvitamento in un sistema di quantificazione e ricerca dei “punti-mela” che contagia gli stessi studenti, come da anni il sistema dei crediti universitari. Questa china burocratica e pedagogistica, già imboccata da tempo, ingenera frustrazioni e abbandoni e, soprattutto, peggiorare la preparazione e le capacità dei ragazzi. Ma non pare un’evidenza sufficiente per invertire la rotta. Anzi.

Su questi altari si sacrificano risorse che sarebbe stato meglio investire in una delle missioni più urgenti (la tanto vituperata Azzolina aveva iniziato a pensarci operativamente), ovvero la riduzione del numero di allievi per classe. I docenti più esperti ricordano quante cose si potevano fare con 18-20 alunni: più verifiche, più scambi individuali ma anche di gruppo, riflessione didattica non standardizzata, vera “cura” delle giovani menti, condivisione genuina. Invece si prevedono tagli di posti (9.600 in 5 anni in omaggio alla denatalità) e il finanziamento della premialità per l’ “Alta formazione” con le risorse della carta del docente. Questo sistema, così prono ai più sofisticati sistemi di valutazione, finisce per selezionare i futuri docenti tramite test a crocette in cui si chiede l’autore del Vantone (proviamo a farlo con gli ordinari di letteratura italiana?) o la data (non il contenuto, si badi!) della circolare ministeriale sull’informatica a scuola: è tragicomico. Se tutto ciò fosse stato disposto da un ministro diverso da Bianchi – uomo permeato di cultura aziendalistica e pedagogia neoliberale, buon seguace di Adam Smith, ma protetto dall’intangibilità dei “migliori” -, ci sarebbe stata la rivoluzione. Chissà, magari alla fine ci sarà davvero.

Pillola blu o pillola rossa?

Pillola blu
Griglie, RAV, PTOF, “certificazione di competenze”, chiacchiere sulla “flipped classroom”, “uda” e “cooperative learning”, e poi non sai nemmeno rapportarti con una classe in carne e ossa e non sai dire una parola ai tuoi studenti senza “pacchetto” didattico preconfezionato; inter-multi-pluridisciplinare – sempre a chiacchiere, si intende – e poi i tuoi studenti non imparano niente di niente; “progetti” senza capo né coda invece del tempo prezioso in cui le generazioni, in classe, hanno l’occasione di parlarsi; PCTO che sono la bruttissima copia digitale delle lezioni che dovresti fare tu in classe.
Nessun vero insegnamento.
E il confortevole abbraccio del conformismo, la gratitudine del dirigente, i complimenti del ministero, per l’ “innovazione”.

Pillola rossa
Solo la verità.
E tu, che più di sinistra non si può, che sai che c’è un approccio didattico diverso per ogni contenuto culturale da condividere, per ogni conoscenza da scoprire e far scoprire, per ogni momento di lezione, per ogni classe e per ogni studente con cui si entra in relazione, che sei innamorato dei tuoi studenti e di quello che potranno diventare, che cerchi di arricchirti umanamente e culturalmente per poter avere qualcosa di sensato da dire loro, verrai accusato da burocrati para-ministeriali mummificati e da furbi fiancheggiatori di un potere disumano per cui i giovanissimi sono solo numeri, che punta ai soldi per i formatori e al taglio della scuola pubblica, di essere “conservatore”, “gentiliano”, “passatista”, “elitarista”, “meritocratico”, “cattedratico” – con una mistificazione rispetto alla quale Stalin era un dilettante – solo perché pensi che sia fondamentale continuare a insegnare qualcosa alle nuove generazioni e non abbandonarle a se stesse.

Cosa scegli?

Gli intenti del nostro gruppo

Qualche precisazione sugli intenti del gruppo La nostra scuola e dell’associazione Agorà 33.

La nostra idea è questa: per opporsi a uno smantellamento della scuola che ha motivazioni esclusivamente economiche e politiche (anche se travestite da motivazioni didattiche ed educative) e alle mistificazioni confusive alimentate ad arte nel dibattito pubblico, bisogna avere ben chiaro cos’è la scuola, quali siano i suoi autentici scopi – primo tra tutti l’emancipazione delle future generazioni attraverso l’istruzione – e in che modo essa li porti avanti, e cioè attraverso la forza vivificante dei contenuti culturali (gli unici capaci di restituire spessore e possibilità di interpretazione all’esperienza del presente) e a una relazione scolastica intergenerazionale fatta di attenzione, ascolto e vicinanza da parte degli adulti, di cui i giovanissimi, nella loro crescente solitudine, in un una società che non offre loro nessuna possibilità di futuro, hanno sempre più bisogno. La forza degli insegnanti e la riserva di senso a loro disposizione, che li sottrae a un destino di burocrati passivi e ubbidienti, sta in un duplice rapporto (secondo la felice definizione di Davide Viero): quello con il sapere e quello con i propri studenti; un duplice rapporto capace di creare un prezioso circolo virtuoso tra relazione e cultura. Non a caso, le tendenze “innovatrici” in atto puntano proprio a recidere questi legami, tra scuola e conoscenza da un lato (ormai si parla esplicitamente di addestramento alle “competenze non cognitive”), tra insegnanti e studenti dall’altro, con il proposito di sostituire la relazione educativa, basata sulla parola, con colate di burocrazia spersonalizzata e con “pacchetti” didattici preconfezionati, rispetto ai quali gli insegnanti sarebbero dei semplici “facilitatori”. Smascherare il senso di queste operazioni e ripristinare un’idea autentica di scuola è ciò che ci proponiamo di fare, sulla base dell’esperienza degli insegnanti, delle riflessioni e delle analisi delle persone di cultura (a fronte di un dibattito che sembra spingere al non-pensiero, in un efficientismo privo di senso e direzione ma non di risorse economiche da spartire), delle conoscenze offerte dagli esperti dell’età evolutiva.

Al centro del nostro discorso, in ogni caso, non ci sono gli insegnanti ma le future generazioni e la possibilità di dare vita a una società più umana e vivibile, attraverso l’istruzione, la conoscenza, l’educazione. Proprio per questo, non ci proponiamo di essere un sindacato, che porti avanti singole istanze – per quanto giuste – della classe docente, al di fuori di quelle legate al significato profondo della scuola; né vogliamo essere una forza politica: al sindacato e ai decisori politici, di una politica scolastica sempre più cieca e insensata, semmai, intendiamo fornire idee e sollecitazioni che vengano dall’interno del mondo della scuola, da chi ne ha comprese le finalità e conosce le caratteristiche e i bisogni delle persone che sono il fine ultimo del lavoro degli insegnanti, cioè gli studenti. Ci proponiamo inoltre di smascherare le falsità e le mistificazioni introdotte a forza nel dibattito pubblico sulla scuola, e di combattere contro il suo smantellamento attraverso un’informazione approfondita e capillare, presso l’opinione pubblica, famiglie comprese, su ciò che i progetti ‘politici’ in atto vogliono fare del sistema istruzione.

Per una scuola di cultura e conoscenza

Il seguente appello è nato dalla collaborazione tra gruppi che lottano per il futuro della scuola, Manifesto dei 500, LIP, Manifesto per la nuova scuola/La nostra scuola. La rete e l’elaborazione del documento sono state coordinate da Lorenzo Varaldo, dirigente scolastico e autore del saggio La scuola rovesciata.

Per una scuola di cultura e conoscenza.
Appello per la difesa e il rilancio delle discipline, della professione insegnante e del futuro dei giovani

In un recente intervento, l’attuale Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, preannunciando un’ennesima “riforma”, ha dichiarato che “va superata la rigida divisione disciplinare”. Non è la prima volta che questo ministro si esprime per il “superamento” delle discipline. Nel suo documento del 13 luglio 2020, quando era consulente del ministro Azzolina, scrivendo che sarebbe necessaria “una forte essenzializzazione del curricolo”, aggiungeva: “Occorre abbandonare una visione enciclopedica delle discipline di studio e inoltrarsi verso un curricolo essenziale”.

Non si può dire che l’attuale ministro inventi qualcosa. Dalla fine degli anni ’90, infatti, tutti i documenti delle “riforme” hanno preconizzato una riduzione delle conoscenze e persino uno spostamento ai primi anni di università della preparazione della scuola secondaria di secondo grado, con evidenti ricadute sugli ordini precedenti di scuola. A fianco di queste affermazioni si è assistito in questi ultimi venticinque anni ad un’altra costante: la messa in discussione del ruolo dell’insegnante come colui che insegna. Nuove espressioni sono state coniate per definire i docenti: “veicolatore”, “tutor”, “facilitatore”, “operatore didattico”, fino ad arrivare a “differenziale di sviluppo” con l’attuale ministro. La stessa espressione “trasmettere conoscenze”, che in sé rappresenta da sempre un valore per la società, è stata demonizzata e bandita. Immancabilmente, questi indirizzi sono stati accompagnati da pompose dichiarazioni e oggi il superamento delle discipline viene dal Ministro giustificato con il “dare ai ragazzi e alle ragazze il senso di unitarietà del sapere che è uno dei limiti della suddivisione delle discipline in compartimenti stagni”.
Analogamente, l’insegnante “differenziale di sviluppo” troverebbe la sua ragion d’essere nel garantire “lo sviluppo armonico ed il potenziamento delle funzioni cognitive del bambino, in continua evoluzione quantitativa e qualitativa”.

Torniamo con i piedi per terra e analizziamo i fatti. Da venticinque anni assistiamo ad un progressivo abbassamento del livello dei curricoli e delle conoscenze trasmesse ai giovani a fianco di una lenta, ma costante, rimessa in causa della figura dell’insegnante, sia dal punto di vista del riconoscimento sociale, sia da quello dell’essenza del suo mestiere, della sua professione, spinta sempre di più verso un mix di animatore, assistente sociale o psicologico, elaboratore di progetti a sfondo genericamente educativo, mentre la burocrazia prende un posto crescente e invadente, tendendo a soffocare il libero rapporto fondato sulla cultura che dovrebbe caratterizzare la relazione docente-allievi. A fronte di Indicazioni Nazionali ricche di espressioni altisonanti, dalla scuola dell’infanzia fino alla secondaria di secondo grado si assiste ad uno svuotamento di contenuti rispetto ai precedenti Programmi Nazionali. Dal ritardo con il quale si insegna a leggere e scrivere alla rinuncia sempre più diffusa al corsivo, dalla rimessa in causa della capacità di elaborare veri temi a quella dell’insegnamento della storia, dall’ignoranza dilagante della geografia alla riduzione delle scienze ad esperienze episodiche, appare sempre più chiaro come la presunta “unitarietà del sapere” mascheri in realtà la tendenza a cancellare un percorso organico, metodico, graduale, in grado di fornire veramente alle nuove generazioni gli strumenti per stabilire un libero rapporto con la cultura.
Al suo posto, rapide, aleatorie e illusoriamente spendibili “competenze” vengono messe avanti, senza che esse poggino su qualcosa di solido, proprio mentre in altri Paesi si comincia ad invertire la rotta a fronte del bilancio negativo di questa impostazione.

Le cosiddette “UDA”, i “compiti di realtà”, le “rubriche di valutazione” prendono sempre più il posto di un percorso strutturato e progressivo e, invece di “abbattere gli steccati tra le discipline”, tendono ad abbattere le discipline stesse o a farle regredire verso l’ovvio e il banale. Mai come in questi anni i documenti ufficiali ministeriali hanno nominato lo sviluppo delle capacità critiche dei giovani come obiettivo della scuola, ma mai si sono tolte così tanto ai giovani le basi per maturare queste capacità critiche. L’attacco all’insegnamento della storia e della geografia a partire dalla scuola primaria ne è un esempio gravissimo e oggi, di fronte agli avvenimenti tragici della guerra, intere generazioni non possiedono le conoscenze fondamentali per orientarsi.

D’altra parte, mentre si sprecano parole seducenti di elogio dei docenti, sempre più insegnanti segnalano come il fare scuola, l’insegnare, sommerso dalla burocrazia, dalle sigle, mescolato con altre funzioni e ostacolato dall’ingerenza di altre figure “diventa sempre più difficile”. È anche per imporre il nuovo corso dell’insegnante-animatore e dell’abbassamento culturale che a più riprese si è cercato di mettere sotto controllo la libertà d’insegnamento.

Dopo i falliti tentativi del “concorsone” di Berlinguer e del “premio” di Renzi, si assiste oggi col Decreto Legge 36 a nuove e pericolose norme per il reclutamento e la rivisitazione del bonus per i presunti “meriti”, mentre si lascia volontariamente crescere a dismisura il precariato e vengono negati sistematicamente i fondi per dignitosi aumenti di stipendio. Noi denunciamo questa deriva e difendiamo “la scuola”, fondata sulle discipline e sul loro insegnamento metodico, essenza della professione insegnante, libera e indipendente. Lo facciamo perché siamo legati alla cultura, alla nostra professione, ma anche al futuro dei ragazzi e dell’intera società. Se evidentemente non si può “apprendere tutto” né “insegnare tutto” (banalità che copre l’attacco al sapere), altrettanto evidentemente conoscere e possedere una cultura la più vasta possibile rappresenta la base dell’emancipazione, della libertà di pensiero, dello sviluppo dell’intelligenza, del possibile collegamento tra i diversi settori. Questa evidenza lapalissiana contiene il suo contrario: teorizzare l’abbassamento culturale, la riduzione delle conoscenze, il “non-sapere”, diluire le discipline vuol dire creare giovani manipolabili, sfruttabili, condizionati. Non solo “trasmissione” della conoscenza non è una parolaccia, ma chi la nega si situa fuori dal progresso e dalla formazione di giovani dotati di strumenti di pensiero autonomo.

Il tanto citato “pensiero critico”, senza l’istruzione è un vuoto slogan che copre l’indottrinamento verso la “critica” incanalata. D’altra parte, è sotto gli occhi di tutti come la presunta caotica auto-formazione sul web nasconda una mancanza preoccupante delle basi per un vero rapporto con la cultura. Questo, anche perchè il “trasmettere” conoscenze e cultura in modo significativo e “vivo” può avvenire solo attraverso un docente libero, che ha stabilito a sua volta un rapporto con il sapere, che sa scegliere e adattare i metodi. Attaccare le discipline in nome dell’inter o multi disciplinarità significa portare un colpo micidiale ai bambini e ai ragazzi ma anche all’intera società, immettendo elementi di confusione e superficialità enormi, perché significa attaccare quella solida conoscenza dei linguaggi interni alle discipline, delle loro logiche e quindi dei loro contenuti che costituisce la base di ogni progresso e studio superiore, e dunque anche per quell’inter e quella multi disciplinarità che oggi effettivamente rappresentano spesso le punte più avanzate della scienza e della conoscenza.
D’altra parte, attaccare il ruolo dell’insegnante, la sua formazione basata sulle discipline, la conoscenza e la libertà d’insegnamento come basi del suo lavoro, trasformarlo in una sorta di factotum dell’educazione, di sostituto di altre figure educative, vuol dire portare un danno non solo ai docenti, ma anche e prima di tutto ai bambini e ai ragazzi, impedendo loro di accedere a quella cultura che concorre a rimuovere “gli ostacoli che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese” (art. 3 della Costituzione).

Per questo, di fronte al pericolo di una nuova “riforma” e al continuo attacco alla professione insegnante, lanciamo un appello: non facciamoci ammaliare dalle sirene seducenti delle frasi che leggiamo da venticinque anni; diciamo insieme stop a questo processo distruttivo che porta infine a far convergere le tre famose “I” (Impresa, Inglese, Internet) in una sola, quella dell’ignoranza. In questi venticinque anni, tanti insegnanti, ma anche genitori, allievi, docenti universitari, comprendendo i pericoli, hanno reagito, cercato di organizzarsi, rispondere, a volte con appelli, conferenze, manifestazioni, a volte con iniziative di resistenza didattica, come quelle che si sono opposte alla liquidazione dell’insegnamento della storia e della geografia. A tutti diciamo: costruiamo in questi mesi, per il prossimo settembre, una Conferenza nazionale per la difesa e il rilancio delle discipline, della professione insegnante e del futuro dei giovani.

Vi invitiamo a diffondere l’appello, sottoscriverlo e farlo sottoscrivere (il link per aderire è il seguente: https://forms.gle/qKthkAJ4xEqKVbzB9)

Per l’elenco aggiornato dei firmatari vedi:

http://manifestodei500.altervista.org/appello-per-la-difesa-e-il-rilancio-delle-discipline-della-professione-insegnante-e-del-futuro-dei-giovani/

http://lipscuola.it/blog/per-una-scuola-di-cultura-e-conoscenza-appello-per-la-difesa-e-il-rilancio-delle-discipline-della-professione-insegnante-e-del-futuro-dei-giovani/

Non strumentalizzare gli studenti

Di recente, il ministro Bianchi ha chiesto il sostegno degli studenti per portare avanti la “riforma” della scuola che ha in mente. In cosa dovrebbe consistere questa “riforma”?

Fondamentalmente, nell’eliminazione progressiva delle discipline, nello smantellamento dei gruppi classe, nella fine di una fantomatica didattica “frontale”, nella digitalizzazione spinta. In realtà, dietro a formule ambigue quando non mistificatorie (come quella delle “competenze non cognitive”), che tentano di far passare per “progresso” la distruzione della scuola pubblica, sembra che ultimamente si punti a sostituire l’istruzione e la relazione educativa con una formazione affidata a enti, aziende, a programmi di “intelligenza artificiale” e a “pacchetti” didattici preconfezionati, poverissima e standardizzata, che scimmiotta il linguaggio e gli scopi dell’azienda e che finge di preparare precocemente al lavoro; il tutto utilizzando le risorse del PNRR, attorno alle quali si muovono già numerosi appetiti (mentre fare quello che sarebbe realmente necessario, ad esempio ridurre il numero di studenti per classe, sembra non interessare a nessuno).

La riforma che ha in mente Bianchi, comunque, dovrebbe avvenire, secondo le parole del ministro, in modo “affettuoso”.

È probabile che, conoscendo poco la scuola e le sue dinamiche, Bianchi non sappia che l’affetto degli insegnanti e la relazione tra insegnanti e studenti passano esattamente attraverso l’alfabetizzazione, l’istruzione, la cultura, la condivisione della ricchezza delle conoscenze (quella che il ministro confonde spesso con il nozionismo): voler bene agli studenti significa volere il LORO bene, cioè la loro crescita umana, che non avviene nel vuoto, ma è sostanziata dal confronto con dei contenuti culturali significativi. L’affetto, insomma, è tutt’altra cosa rispetto a quello evocato confusamente dal ministro.

Terribile invece se qualcuno pensasse di chiedere l’aiuto, per lo smantellamento della scuola, di coloro che ne saranno enormemente danneggiati, puntando sulla loro inconsapevolezza della posta in gioco e sull’illusione, fatta balenare loro davanti, di una scuola “facile” perché inesistente. L’esatto opposto di quanto dovrebbe fare un educatore. 

Gruppo La nostra scuola

Associazione Agorà 33

Undici anni

Quando abbiamo letto questa notizia, riportata sulla pagina Raiscuola, pensavamo di aver capito male. “Alla presenza del Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi e di Rosy Russo, fondatrice di Parole O_Stiliè stata ufficialmente presentata MiAssumo, la prima piattaforma educativa e di gaming gratuita per gli studenti dagli 11 ai 26 anni […]”.

Undici anni? E qual è lo scopo di questa piattaforma? “Colmare la carenza formativa delle scuole italiane e rispondere al mancato incontro tra offerta e domanda di lavoro calcolata oggi all’ 1,5% del PIL nazionale“. Carenza formativa nelle scuole italiane? Carenza di cosa? Del “mancato incontro tra offerta e domanda di lavoro”. Che c’entra con i bambini di 11 anni? E questo calcolo “all’1,5 per cento del PIL nazionale” chi l’ha fatto? Di passaggio, siamo sicuri che esista davvero il “mismatching” scuola-lavoro, e che la disoccupazione giovanile non dipenda invece da una drammatica mancanza di offerta? Il meglio che la scuola può fare, con i giovanissimi, è istruirli e metterli in condizione di ragionare; una formazione che non può essere “professionale”, prima di una certa età, ma che pone solide basi per ogni attività e formazione futura.

Beninteso, non vogliamo demonizzare tecnologia, informatica, role gaming e altre cose interessanti in sé, se utilizzate alla giusta età e con le giuste finalità; né rifiutare, nel modo più assoluto, strumenti capaci di facilitare l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro. Vorremmo invece che venissero rispettate onestamente le priorità e gli ambiti e i confini di tali strumenti, senza farli passare per cure meravigliosamente magiche di problemi ben più profondi – prima di tutto la mancanza di una buona offerta – che andrebbero affrontati con strumenti molto diversi, senza spostare sui ragazzi o sulla scuola la responsabilità della difficoltà di trovare lavoro.
E qualora esistesse nei giovani una difficoltà ad avvicinarsi al mondo del lavoro, anche in presenza di opportunità reali, certo non si tratterebbe di mancanza di strumenti pratici, bensì di mancanza di fiducia in se stessi e nel futuro, problema che andrebbe affrontato con una buona sostanza di relazioni umane e ricostitutive, di cui la scuola dovrebbe essere produttrice.

Torniamo alla questione, estremamente inquietante, dell’età e della profilazione precoce: “MiAssumo si rivolge ai giovani dagli 11 ai 26 anni con l’obiettivo di aiutarli a crescere, sia come persone che come professionisti [sic], così da potersi affacciare più facilmente al mondo del lavoro. Gli alunni saranno coinvolti in un percorso pluriennale di formazione [sic], strutturato con attività di classe, a gruppi o singole per poter riconoscere le proprie competenze e attitudini e orientarsi al meglio nel percorso di studi e professionale”.
Se non fosse abbastanza chiaro, abbiamo questa precisazione: “Attraverso MiAssumo, con l’aiuto di particolari meccanismi di gaming, i ragazzi potranno iniziare da subito a generare il proprio curriculum grazie a un’intelligenza artificiale addestrata ad hoc”.

Riassumendo queste parole, potremmo dire che invece di istruzione, cultura, conoscenza, relazioni, rapporti umani, tempo necessario per trovare e costruire la propria identità, attenzione ai bisogni psicologici e affettivi della crescita, parole e ascolto, si propongono a ragazzini a partire dagli UNDICI anni, a partire dalla PRIMA MEDIA, con l’avallo del ministro dell’Istruzione, format educativi preconfezionati, la profilazione precoce da parte di un’azienda privata e l’instradamento al lavoro attraverso l’ “intelligenza artificiale”. E questa viene definita “formazione” o addirittura “educazione”, con “percorsi pluriennali” – in una sorta di doppione distopico della scuola, di cui in questa prospettiva verrà presto denunciata l’inutilità, immaginiamo – senza più nessuno scarto tra educazione, istruzione e formazione professionale. Non sappiamo trovare un nome adeguato a quello che sta accadendo, ma sospettiamo si tratti di qualcosa di molto grave.

Gruppo La nostra scuola

Associazione Agorà 33

https://www.raiscuola.rai.it/orientamento/articoli/2022/05/Nasce-MiAssumo-la-prima-piattaforma-digitale-gratuita-per-lorientamento-professionale-eb00b934-b831-4a1a-99f9-e78341efd19d.html